Corso antincendio rischio medio per mettere in completa sicurezza le aziende

corso-antincendio

Il corso antincendio rischio medio è un corso di formazione davvero importantissimo per la sicurezza delle aziende: ecco di cosa si tratta.

Il corso antincendio rischio medio è un corso di formazione di grande importanza per la sicurezza di un’azienda, scopriamo dunque di cosa si tratta e quali sono le sue peculiarità principali. Anzitutto è utile chiarire un aspetto: per quale motivo si parla di corso antincendio rischio medio?

I corsi antincendio sono suddivisi in tre diverse categorie, le quali dipendono appunto dal livello di rischio che contraddistingue una determinata azienda: il corso antincendio rischio medio si colloca dunque tra i corsi antincendio di livello basso e quelli di livello alto.

La differenza tra questi tre percorsi di formazione non è legata esclusivamente alle tematiche trattate, ma anche alla loro durata: il corso antincendio rischio medio prevede infatti una durata di 8 ore, mentre i corsi di livello basso e alto durano rispettivamente 4 e 16 ore.

A prescindere da questa pur importantissima distinzione, è fondamentale sottolineare che in tutte le aziende è necessario designare una figura in grado di intervenire tempestivamente in caso di incendio.

La figura in questione può essere un lavoratore dipendente, un preposto, un dirigente, e può inoltre corrispondere anche al medesimo datore di lavoro.

Nel caso in cui dovesse verificarsi un incendio in azienda, dunque, la figura in questione possiede tutte le conoscenze necessarie per eseguire un primo intervento, certamente semplice ed essenziale e non paragonabile a ciò che possono compiere i Vigili del Fuoco, ma che può comunque rivelarsi decisivo.

Vediamo in modo specifico quali sono le tematiche affrontate nel corso antincendio rischio medio, la cui durata, come detto, è di complessive 8 ore. Questo percorso formativo si suddivide in 3 moduli, il primo dei quali riguarda in modo generale gli incendi e la relativa prevenzione: in questo step del corso si toccano argomenti quali i principi di combustione, le possibili cause di un incendio, gli accorgimenti principali dal punto di vista preventivo, solo per fare alcuni esempi.

Il secondo modulo ha un taglio più pratico, riguardando le procedure da adottare in caso di incendio, e in questa fase del corso si affrontano tematiche quali le procedure di evacuazione, la gestione dei rapporti con i Vigili del Fuoco, l’utilizzo dei sistemi di allarme, della segnaletica di sicurezza, dell’illuminazione di emergenza.

Il terzo e ultimo modulo che costituisce il corso antincendio rischio medio si compone esclusivamente di esercitazioni pratiche, relative soprattutto all’utilizzo di idranti e naspi.

L’allievo, al termine del corso antincendio rischio medio, consegue un attestato che gli consente di essere designato come responsabile anticendio all’interno dell’azienda, come previsto dalla legge.

Al di là degli obblighi legislativi cui le aziende devono sottostare, è certamente molto importante che una figura dell’azienda sia formata in modo approfondito circa le modalità più efficaci per contrastare l’insorgere di un incendio sul luogo di lavoro.

Come per tutti i corsi riguardanti la sicurezza sul lavoro, anche il corso antincendio rischio medio necessita di un aggiornamento periodico: l’allievo che segue un corso di questo tipo deve necessariamente provvedere al relativo aggiornamento ogni tre anni per poter operare all’insegna della legalità.

É in tutti i casi fondamentale che i corsisti che intendono seguire tali percorsi di formazione scelgano con la dovuta attenzione l’ente formativo cui rivolgersi: l’azienda che eroga corsi antincendio deve essere infatti regolarmente accreditata, e deve dunque rilasciare degli attestati ufficialmente riconosciuti e validi su tutto il territorio italiano.